Uncategorized

Tutti i post nella categoria Uncategorized

Mai smettere di sognare…

Pubblicato ottobre 15, 2014 da neferhetep

saignement-grossesse

E alla fine il mio sogno si è realizzato… Due anni fa ho dato alla luce uno splendido bambino e nel momento stesso in cui l’ho tenuto tra le mie braccia ho capito che non avevo mai amato veramente fino a quel momento!

Non è facile fare la mamma, ma è per me il mestiere più bello del mondo! Un figlio ti cambia la vita e la rende più bella minuto dopo minuto!

Non ho mai smesso di sognare e alla fine i miei sogni son diventati realtà, sono diventati il mio piccolo cucciolo, che con i suoi sorrisi, i suoi mille baci e la sua eterna voglia di coccole illumina ogni giornata e fa sembrare qualunque problema piccolo piccolo…

Essere mamma è bellissimo…

Nevica

Pubblicato febbraio 3, 2012 da neferhetep

 

E alla fine nevica anche qui… Quanto l’ho aspettata questa neve, quanto l’ho desiderata! Non ho fatto altro che immaginarmi con il mio piccolino tra le braccia mentre guardavo scendere la neve, ma il mio piccolino a ottobre non è nato… Però poi è tornato e così a ottobre quando ero di appena 9 settimane e dopo averlo visto con quei minuscoli piedini e il dito in bocca gli parlavo e gli dicevo che avremmo guardato la neve scendere e mi immaginavo con la mia pancia seduta sulla sedia a dondolo nel salone a guardar fuori radiosa… Ma anche questo è rimasto solo un sogno, perché anche il mio secondo bimbo è morto durante la decima settimana! E il dolore è ancora forte, mi domando se passerà, se troveremo la forza di guardare al futuro, perché il presente già ci fa paura…
Ed ora nevica, tutto è coperto di bianco e i nostri cuori hanno dentro lo stesso gelo…

Nessuno ci prepara al dolore

Pubblicato gennaio 28, 2012 da neferhetep

 

Sapevo che la vita non è semplice, ma nessuno mi aveva detto che sarebbe stata così difficile, nessuno mi aveva preparato al dolore ed ora non so come superarlo…

Ricordo ancora quando il 12 febbraio prima e il 16 settembre dopo ho annunciato al mio amore che ero incinta…I nostri occhi erano lucidi di lacrime di gioia, come bambini saltellavamo sul posto ridendo come matti… Ed è questa immagine che mi torna in mente ogni volta che mi viene consigliato di pensare a qualcosa di bello, ma quella immensa felicità è anche ciò che mi procura più male, perché è durata poco…

Bisognerebbe esser preparati al dolore, perché a me questo dolore sta uccidendo, perché ho un buco nel petto dove una volta avevo il cuore… E resto ferma a guardare i bimbi delle mie amiche, le loro pance crescere, i loro sorrisi felici e mi domando perché a me il destino ha riservato così tanto dolore e per ben due volte…

Lo psicologo dice che devo pensare seriamente al riprovarci, perché solo un altro bimbo mi tirerebbe fuori dal baratro, ma sinceramente ho paura… Tutti mi dicono che non può accadere ancora, ma io sorrido e dico che era la stessa cosa che mi ripetevo durante la seconda gravidanza eppure quel maledetto 2 novembre l’incubo è tornato… E questa volte il dolore è troppo grande, non può esser gestito… E ho chiesto aiuto…

Lo desidero così tanto il mio bambino, vorrei così tanto stringerlo al petto…

 

2012

Pubblicato gennaio 8, 2012 da neferhetep

E così anche il 2012 è arrivato… Le feste sono scivolate via lente, con tristezza e molta amarezza. Non c’era nulla da festeggiare nel 2011, un anno che era iniziato alla grande e che è diventato un incubo che con il passare dei mesi ci ha sprofondato nell’inferno.
Finalmente un nuovo anno, speriamo porti con sé molte novità e buone notizie…
Ieri ci è stato detto che abbiamo motivo di sperare, di crederci ancora, ma allora perché i nostri occhi sono ancora così tristi e vuoti?

Yule

Pubblicato dicembre 23, 2011 da neferhetep

‎7 biglietti. 7 rametti. 7 le prese di sale a pugnetti. Ciocco di quercia. Acqua di fonte. 7 candele di rosso scarlatto. Un fuoco che danza vivace nel vento, gesti consueti rimasti nel tempo. Solo 3 donne danzano intorno. La prima invoca nella sua mente, una partecipa sorridente, una ancora non sa quasi niente. 3 donne legate dallo stesso cordone, danzano insieme alla luce lunare. Yule è arrivato. Yule è tornato. Festeggi il mondo il nuovo anno, giri la ruota nel senso migliore, giri per chi è amato e dà amore. Rinasca stanotte il re Agrifoglio, rinasca e mi porti quello che voglio!

Make A Wish… My wish, my gift

Pubblicato dicembre 18, 2011 da neferhetep

Oggi rientrando verso casa siamo passati a Grande Place ed abbiamo visto che vi erano i banchettini che distribuivano le stelline da appendere ai rami del grande albero di Natale e sulle quali bisognava scrivere il proprio desiderio!

Io e Davide, uno dei miei più cari amici che era in visita qui, siamo subito accorsi, ci siamo fatti dare una stellina e abbiamo scritto il nostro desiderio…

Che emozione appendere quella stellina ad uno di quei rami, farlo sorridendo e con il cuore pieno di gioia, sentire dentro di sé che era il gesto più magico di questo Natale…

Il mio regalo è appeso là su quel ramo, il mio desiderio è custodito da una stellina e quando ho compiuto quel piccolo gesto ho capito che quello sarebbe stato il momento più natalizio di questo dicembre…

Quell’albero custodisce i desideri di grandi e piccini, custodisce i desideri di due amici…

Vola stellina e fa che il mio desiderio si realizzi!

Lasciare Andare

Pubblicato dicembre 2, 2011 da neferhetep

Il 30 ti ho lasciato andare, oramai non c’era più nulla di te, anche se il mio corpo non aveva capito che eri morto da giorni… Mio piccolo semola ero convinta che questa volta saresti nato, ero convinta che poiché la data del parto era il 22 maggio questa volta ti avrei tenuto tra le mie braccia!
Ma a quanto pare non era ancora il momento e resto qui a domandarmi perché mentre le altre avranno i loro bambini io resto qui a guardare i miei figli spegnersi…
Mio piccolo semola eppure io ti amavo davvero tanto, non ti avrei mai abbandonato e invece ti ho dovuto lasciar andare e dirti addio… Non ero pronta a dover affrontare ancora questo dolore, non ero pronta a dover esser ancora forte… Ed ero così felice quando il 16 settembre mi hanno detto che ero incinta.. Di nuovo e questa volta pensavo lo avrei stretto a me…
Perché amore mio? Non lo saprò mai perché il tuo cuore ha smesso di battere e piango pensando che l’unico regalo che avrei voluto quest’anno non è con me!
Ti ho lasciato andare e ti sei portato via parte di me ed ora non riesco a guardare lontano oltre il sole, perché ho paura ad esser ancora felice per un positivo… Ti ho lasciato andare, ma avrei voluto solo tenerti stretto al cuore…